L’acquisto di azioni proprie, preceduta dalla rivalutazione delle stesse, non è “abusivo” del diritto

di Fabio Gallio

Con la sentenza del 4 gennaio 2021, n. 30, la Commissione Tributaria Regionale del Veneto ha sancito che un’operazione di cessione di partecipazioni, il cui valore, precedentemente all’operazione, è stato rivalutato ex Legge n. 448 del 2001 e successive modifiche, con il pagamento di un’imposta sostitutiva, non può essere considerata elusiva.

L’Ufficio ha contestato ad una persona fisica di avere ceduto alla società partecipata le azioni proprie, dopo averle rivalutate, eccependo l’applicazione delle disposizioni dell’art. 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente e ritenendo “abusiva” una sequenza negoziale riconducibile al c.d. “leveraged cash out”.

Powered by Prismanet.com